• Homepage
  • PresseVDA
  • 01/18/2011 - 12:21 - Giorno della memoria - consegna delle medaglie d'onore

01/18/2011 - 12:21 - Giorno della memoria - consegna delle medaglie d'onore

Indietro

In occasione della Giornata della Memoria, il Presidente della Regione Augusto Rollandin in qualitÓ di Prefetto consegnerÓ giovedý 27 gennaio 2011, alle ore 16, nel Salone delle manifestazioni di Palazzo regionale le medaglie d’onore ai cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra, e ai familiari dei deceduti.
SarÓ presente alla cerimonia Carlo Guaramonti, Presidente della Federazione regionale dell’Associazione nazionale ex Internati.

La cerimonia vedrÓ insigniti di tale onorificenza Uberto BÚthaz, Giovanni Fortunato Consol, Delfino DesandrÚ, Natale Gatti, Luciano MellÚ, Alessandro MigliÚ, Giuseppe Piero Navillod, Orlando Arturo Neyroz, Ivan Pesaola, Ambrogio Sandi, Pietro Tassone. Alla memoria, Gino Acerbi, Giuseppe Brazzale, Ilario Brunier, Casimiro Chadel, Gelmino Chiavenato, Domenico Di Vita, Giuseppe DiÚmoz, Edoardo Alfredo Gasparini, Giuseppe Genna, Giuseppe Grivon, Cesare ImpÚrial, Giacomo Juglair, Armando Lasagna, Umberto Lucchi, Antonio Pernechele e Cesarino Piccot.

L’onorificenza Ŕ prevista dall’art. 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 che ha istituito la concessione di una medaglia d’onore ai cittadini italiani, sia militari che civili, e ai familiari dei deceduti che siano stati deportati o internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra nell’ultimo conflitto mondiale. Per individuare gli aventi diritto, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Ŕ stato creato un apposito Comitato.

La medaglia d’onore Ŕ coniata presso la Zecca di Stato in metallo. Su una faccia la medaglia riporta lo stemma della Repubblica Italiana e la scritta “Medaglia d’onore ai cittadini italiani deportati ed internati nei lager nazisti 1943-1945” e al rovescio un cerchio di filo spinato con inciso il nome dell’internato o del deportato.

0043
SB

Fonte: Presidenza della Regione – Ufficio stampa Regione Autonoma Valle d’Aosta



Indietro