AFFIDAMENTI CON PROCEDURE ORDINARIE (ASSS)

 Scheda informativa URP
DescrizioneNell'aggiudicazione di appalti pubblici le Stazioni Appaltanti (SA) utilizzano le procedure «aperte» o «ristrette» previa pubblicazione di un bando o di un avviso di indizione di gara. Le «procedure aperte» (art. 60 Codice dei contratti pubblici, di seguito CdC) prevedono che ogni operatore economico interessato possa presentare un'offerta; le «procedure ristrette» (art. 61 CdC) che ogni operatore economico possa chiedere di partecipare e possa presentare un'offerta soltanto se invitato dalle SA. Esse rappresentano le procedure ordinarie di gara, utilizzabili indifferentemente e senza una specifica motivazione sui presupposti. Per acquisti di uso corrente le cui caratteristiche soddisfino le esigenze delle SA, è possibile avvalersi di un sistema dinamico di acquisizione (interamente elettronico ed aperto a qualsiasi operatore economico che soddisfi i criteri di selezione). Per le acquisizioni non standardizzabili e per le quali non si ricorra agli strumenti di acquisto o di negoziazione (Me.Va. o altra piattaforma elettronica), IN.VA. S.p.A., società inhouse della Regione Autonoma Valle d'Aosta, su specifica richiesta degli Enti convenzionati cura l’espletamento delle procedure ordinarie di gara per l’affidamento di servizi e forniture, fino all’aggiudicazione. Le funzioni di Responsabile Unico del Procedimento (R.U.P.), ai sensi dell’articolo 31 CdC, sono in capo alla SA.
Link di accesso al servizio online
  Altre informazioni
Requisiti richiedenteSono ammessi a partecipare alle procedure di affidamento dei contratti pubblici gli operatori economici (art.3, comma 1, lett. p) CdC), anche stabiliti in altri Stati membri, costituiti conformemente alla legislazione vigente nei rispettivi Paesi (art.45). L'art. 80 CdC disciplina i requisiti generali che gli operatori economici devono possedere per partecipare alle procedure di gara bandite dalle stazioni appaltanti. Inoltre gli operatori economici devono possedere i requisiti stabiliti in ragione dell'oggetto e dell'importo della procedura.
Documentazione da presentareOccorre fare riferimento al bando di gara o alla lettera di invito.
Documenti presenti nel fascicolo
Normativa di riferimentoD.l. 16/07/2020 n. 76 convertito in legge 120/2020; D.lgs.18/04/2016 n. 50 (Codice dei contratti); dgr 1892/2014 e dgr 1089/2016 (Convenzione Cuc); d.lgs. 02/07/2010 n.104 (Codice del processo amministrativo). Art. 1, comma 450, l. 296/2006; art. 2, comma 225, l. 191/2009; art. 55, comma 14, d.lgs. 50/2016 (sugli obblighi relativi agli strumenti di acquisto e negoziazione).
Termine presentazione della domandaOccorre riferirsi a quanto stabilito nella documentazione di gara, anche per quanto riguarda i termini perentori per la presentazione delle offerte o delle domande di partecipazione.
Tempo medio di erogazione del servizio (giorni solari)
Eventuale spesa previstaSi osservano le disposizioni sul bollo (offerte).
Modalità informatiche di pagamento del servizio
Tempi per evadere la richiesta (giorni solari)
Reclami e ricorsiGli atti delle procedure di affidamento ed i provvedimenti dell'Autorità nazionale anticorruzione ad essi riferiti (anche adottati avvalendosi delle procedure di "precontenzioso" di cui all'art. 211 del Codice dei contratti) sono impugnabili entro 30 giorni unicamente mediante ricorso al tribunale amministrativo regionale competente. Nel caso in cui sia mancata la pubblicità del bando, il ricorso non può comunque essere più proposto decorsi trenta giorni dal giorno successivo alla pubblicazione dell’avviso di aggiudicazione definitiva, a condizione che tale avviso contenga la motivazione dell’atto con cui la SA ha deciso di affidare il contratto senza pubblicazione del bando. Se sono omessi gli avvisi o le informazioni dovuti oppure se essi non sono conformi alle prescrizioni, il ricorso non può comunque essere proposto decorsi sei mesi dal giorno successivo alla data di stipulazione del contratto.Il provvedimento che determina le esclusioni dalla procedura di affidamento e le ammissioni ad essa all'esito della valutazione dei requisiti soggettivi, economico-finanziari e tecnico-professionali va impugnato nel termine di trenta giorni, decorrente dalla sua pubblicazione sul profilo del committente della stazione appaltante. L'omessa impugnazione preclude la facoltà di far valere l'illegittimità derivata dei successivi atti delle procedure di affidamento, anche con ricorso incidentale. E' inammissibile l'impugnazione della proposta di aggiudicazione, ove disposta, e degli altri atti endo-procedimentali privi di immediata lesività. E' possibile presentare istanze cautelari (es. sospensione dell'aggiudicazione) allegando condizioni di immediato pericolo di danno e di verosimile esistenza del diritto da tutelare.
NoteNESSUNA.
Allegati
 Dove Rivolgersi
AssessoratoAssessorato sviluppo economico, formazione e lavoro
DipartimentoDipartimento politiche del lavoro e della formazione (34.)
Struttura
Ufficio
IndirizzoPiazza della Repubblica 15 11100 Aosta
Telefono0165/274970
Fax0165/274574
E-Mailpolitiche_lavoro@regione.vda.it
PECpolitiche_lavoro@pec.regione.vda.it
Referente procedimento
DirigenteStefania Carla RICCARDI - tel:0165/274976 - politiche_lavoro@regione.vda.it
Titolare potere sostitutivo in caso di inerziaStefania FANIZZI (segretario generale della Regione) - tel. 0165 273260 - email segretario_generale@regione.vda.it. Inoltrare richiesta di intervento sostitutivo.
Orario di apertura al pubblico09.00-13.00