LICENZA PER LA FABBRICAZIONE, IL COMMERCIO E LA RIPARAZIONE DI ARMI...

 Scheda informativa URP
DescrizioneIl Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (R.D. 18/06/1931 n. 773) prevede, ai sensi dell’art. 28, il rilascio di una licenza per la fabbricazione, la detenzione, l’assemblaggio, la raccolta e la vendita di armi da guerra e di armi ad esse analoghe, nazionali o straniere, o di parti di esse e di munizioni. Il Prefetto è competente al rilascio di tale licenza, che ha durata biennale.
Link di accesso al servizio online
  Altre informazioni
Requisiti richiedenteLa ditta deve essere regolarmente attiva e iscritta al registro delle imprese e non assoggettata a procedure di liquidazione, fallimentari o di concordato preventivo.
Il titolare della licenza e i componenti della compagine societaria con poteri di amministrazione e direzione devono essere in possesso dei requisiti soggettivi richiesti dagli art. 11 e 43 R.D. 773/1931 (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza – TULPS).
Documentazione da presentare- Istanza di rilascio della licenza in bollo del valore corrente.
- Elenco delle armi o del materiale d’armamento per i quali si richiede l’autorizzazione in oggetto, con indicazione della quantità che si intende fabbricare, assemblare, raccogliere, detenere e vendere nel biennio.
- Planimetria dello stabilimento, con indicazione dei sistemi di sicurezza attiva o passiva previsti.
- Documentazione comprovante la disponibilità dei locali. In luogo della documentazione può essere presentata una dichiarazione sostitutiva nella quale siano riportati i dati catastali dei locali e gli estremi dell’atto comprovante il possesso (n. repertorio, data e luogo di registrazione)
- Documentazione attestante il possesso della capacità tecnica prevista dall’art. 8 L. 110/1975 (in luogo della documentazione è possibile presentare una dichiarazione sostitutiva con l’indicazione della data di superamento dell’esame e della commissione tecnica davanti alla quale l’esame è stato sostenuto)
o, in alternativa a quest’ultima,
- relazione dalla quale risulti che i materiali, pur avendo la qualificazione di parte di arma in quanto asservibili anche a sistemi d’arma, sono di per sé privi delle caratteristiche di arma da guerra ex art. 1 L. 110/75 e che presso lo stabilimento non sarà comunque detenuto l’intero sistema d’arma neanche ai fini dell’assemblaggio o della riparazione (Circolare Ministero dell’Interno n. 559/C.22656/10179(33) in data 11.11.1998).
- Dichiarazione sostitutiva relativa alla composizione organizzativa dell'impresa con specifica indicazione dell'elenco dei soggetti che saranno coinvolti nella gestione dell'attività oggetto dell'autorizzazione.
- Autocertificazione resa dai titolari di potere di rappresentanza e direzione dell’impresa, come dettagliatamente individuati nell'art. 85 D.lgs. 159/2011 con riferimento alle diverse tipologie di struttura societaria, oltre che da eventuali institori e procuratori legali addetti allo specifico ramo di attività.
- Dichiarazione di possesso del certificato di prevenzione incendi in corso di validità o di presentazione della segnalazione certificata di inizio attività ai fini della sicurezza antincendio, laddove previste per il tipo di attività svolta.
Alla domanda deve essere allegata un'ulteriore marca da bollo di € 16,00 che verrà materialmente apposta sul provvedimento di autorizzazione.
Documenti presenti nel fascicolo
Normativa di riferimentoDecreto del Ministero della difesa 01.07.2019 recante “Approvazione del nuovo elenco dei materiali d'armamento da comprendere nelle categorie previste dall'articolo 2, comma 2, della legge 9 luglio 1990, n. 185, in attuazione della direttiva (UE) 2019/514”.
D.lgs. 159/2011 (Codice antimafia).
D.lgs. 26.10.2010 n. 204 recante Attuazione della direttiva 2008/51/CE, che modifica la direttiva 91/477/CEE relativa al controllo dell'acquisizione e della detenzione di armi.
D. lgs. 81/2008 (Testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro).
Legge 09.07.1990 n. 185 e ss.mm.ii, recante “Nuove norme sul controllo dell'esportazione, importazione e transito dei materiali di armamento”.
Legge 18.04.1975, n. 110 recante "Norme integrative della disciplina vigente per il controllo delle armi, delle munizioni e degli esplosivi".
Regio Decreto 773/1931 (Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza – TULPS).
Regio Decreto 635/1940 (Regolamento di attuazione del TULPS).
Termine presentazione della domandaNon esiste un termine, la domanda può essere presentata in qualsiasi periodo dell'anno. In caso di rinnovo, la domanda deve essere presentata 120 giorni prima della scadenza della precedente licenza.
Tempo medio di erogazione del servizio (giorni solari)0
Eventuale spesa prevista
Modalità informatiche di pagamento del servizio
Tempi per evadere la richiesta (giorni solari)120
Reclami e ricorsiRicorso gerarchico al Ministro dell'Interno entro 30 giorni dalla notifica o ricorso al TAR entro 60 giorni dalla notifica.
NoteSi precisa che non si dispone di dati in merito al tempo medio di erogazione del servizio in quanto negli ultimi anni l'esiguo numero di istanze presentate non consente l'estrapolazione di dati attendibili.
Allegati
 Dove Rivolgersi
AssessoratoPresidenza della regione
DipartimentoDipartimento legislativo e aiuti di stato (13.)
StrutturaAffari di prefettura (13.1.)
UfficioUfficio Affari Di Prefettura (13.01.10.)
IndirizzoPiazza della Repubblica, 15 - 11100 Aosta
Telefono0165/274911
Fax0165/274959
E-Mailprefettura@regione.vda.it
PECaffari_prefettura@pec.regione.vda.it
Referente procedimentoDe Napoli Ida
DirigenteCastronovo Rosaria
Titolare potere sostitutivo in caso di inerziaQuattrocchio Roberta
Orario di apertura al pubblicoDal lunedì al venerdì: ore 9.00-14.00 previo appuntamento telefonico