Elenco servizi per categorie

 Agli agricoltori
 Agli artigiani
 Ai commercianti
 Alle cooperative/associazioni
 Alle industrie
 Per il turismo
 AGENZIE DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO
L'attività riguarda il rilascio, sulla base della programmazione numerica e delle disposizioni del regolamento regionale, delle autorizzazioni all'esercizio dell'attività, la vigilanza sulle Agenzie autorizzate, l'organizzazione e l'espletamento degli esami per l'abilitazione dei titolari delle Agenzie medesime.
 ATTIVITA' ESTRATTIVE - DISPOSIZIONI PER LA TUTELA DEI FOSSILI E DEI MINERALI DA COLLEZIONE
Chiunque intenda svolgere attività di ricerca e raccolta di fossili e minerali da collezione, sul territorio della Valle d'Aosta, deve darne comunicazione scritta all'assessore regionale competente che rilascia, entro 60 giorni, apposito attestato di iscrizione al registro regionale dei ricercatori e raccoglitori. L'attestato di iscrizione al registro regionale costituisce autorizzazione allo svolgimento dell'attività di ricerca su tutto il territorio regionale ad esclusione delle zone dove è fatto divieto (deliberazione della Giunta regionale n. 3054 del 24 ottobre 2008). (l.r. 15 aprile 2008, n. 10)
 ATTIVITA' ESTRATTIVE - PERMESSI DI RICERCA
Rilascio del permesso di ricerca di materiali solidi di prima categoria, di acque minerali naturali, di sorgente e termali.
 AUTORIZZAZIONE ALL'UTILIZZO DELLE SORGENTI IDROTERMALI E IDROMINERALI
La Regione rilascia l'autorizzazione all'utilizzo delle sorgenti idrotermali e idrominerali, che può essere rilasciata solo per: - imbottigliamento o per condizionamento in loco; - per la preparazione di bevande analcoliche; - per la produzione, a scopo terapeutico, di sali minerali; - presso stabilimenti termali in loco, previo possesso della concessione alla coltivazione della sorgente rilasciata dalla Giunta regionale e del riconoscimento delle proprietà terapeutiche delle acque da parte del Ministero della Salute.
 AUTOSCUOLE
L'attività riguarda la gestione di tutte le operazioni relative all'esercizio dell'attività di autoscuola, a partire dal controllo dei requisiti di legge per l'avvio dell'attività stessa, l'esercizio della vigilanza amministrativa e tecnica sull'attività delle Autoscuole abilitate, il rilascio dei tesserini abilitativi agli insegnanti di teoria e agli istruttori di guida.
 CONCESSIONE DEL NULLA OSTA AL RILASCIO DELLA LICENZA DI PUBBLICA SICUREZZA PER APERTURA AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO
Concessione da parte della Regione del nulla osta per il rilascio della licenza di Pubblica Sicurezza per l'apertura di agenzie di viaggio e turismo
 CONCESSIONE DI LINEE DI IMPIANTI A FUNE
La costruzione e l’esercizio di linee funiviarie, destinate al trasporto in servizio pubblico di persone ovvero di persone, di cose e animali, sono subordinati a concessione per la costruzione e l’esercizio rilasciata con deliberazione della Giunta regionale. La concessione per la costruzione e l’esercizio di linee funiviarie può essere rilasciata ai soggetti che dimostrino: a) che la società richiedente è iscritta al registro delle imprese e delle professioni, con oggetto sociale che riguardi anche l’organizzazione, costruzione e gestione di impianti a fune; b) che l’interessato, vale a dire tutti i soci, in caso di società di persone, il titolare, in caso di ditta individuale, i soci accomandatari, in caso di società in accomandita semplice o in accomandita per azioni, gli amministratori, per ogni altro tipo di società: 1) non è soggetto nei cui confronti pende un procedimento per l’applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all’articolo 3 della legge 27 dicembre 1956, n. 1423 (Misure di prevenzione nei confronti delle persone pericolose per la sicurezza e per la pubblica moralità), o che si trovi nelle condizioni di cui all’articolo 10 della legge 31 maggio 1965, n. 575 (Disposizioni contro la mafia); 2) non è soggetto nei cui confronti è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato o di applicazione della pena su richiesta delle parti ai sensi dell’articolo 444 del codice di procedura penale, oppure è stato emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile per reati gravi in danno dello Stato o della comunità che incidono sulla moralità professionale; 3) non è interdetto, inabilitato o dichiarato fallito e non è sottoposto a procedimenti fallimentari; 4) non ha violato il divieto di intestazione di cui all’articolo 17, comma 3, della legge 19 marzo 1990, n. 55 (Nuove disposizioni per la prevenzione della delinquenza di tipo mafioso e di altre gravi forme di manifestazione di pericolosità sociale); 5) non ha commesso gravi infrazioni, debitamente accertate, alle disposizioni in materia di sicurezza del lavoro e di sicurezza del trasporto e a ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro, nonché alle disposizioni in materia previdenziale e assistenziale; 6) non è soggetto nei cui confronti è stata applicata la sanzione interdittiva di cui all’articolo 9, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231 (Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dell’articolo 11 della legge 29 settembre 2000, n. 300), o altra sanzione che comporti il divieto di contrattare con la pubblica amministrazione. Ai fini del rilascio della concessione, i soggetti in possesso dei requisiti richiesti devono presentare la relativa domanda alla struttura competente, corredata: a) della relazione illustrativa delle finalità della linea, in relazione all’ambito territoriale in cui è proposta; b) del progetto per la concessione dell’impianto che realizza la linea; c) della documentazione tecnica illustrativa relativa alle opere complementari, se previste; d) delle relazioni contenenti gli elementi di giudizio in materia di compatibilità con lo stato di dissesto in essere e con le caratteristiche geologico-geotecniche dell’area, nonché in materia di forestazione; e) delle relazioni contenenti gli elementi di giudizio in materia di pericolo di valanghe; f) della relazione che dimostri la validità della realizzazione dal punto di vista tecnico-economico. La Giunta regionale, con propria deliberazione, dispone in merito alla concessione sulla base dell’istruttoria curata dalla struttura competente. Allo stesso modo la Giunta regionale dispone in merito alla modifica, al rinnovo, al trasferimento, alla decadenza, alla revoca e alla rinuncia delle concessioni già accordate.
 GAS TOSSICI: ABILITAZIONE ALL'USO
La Regione rilascia un patentino di abilitazione per l'impiego di gas tossici a coloro che superano un apposito esame. Gli esami hanno cadenza semestrale.
 GAS TOSSICI: AUTORIZZAZIONE ALL'UTILIZZO, CUSTODIA E ALLA CONSERVAZIONE IN MAGAZZINI E DEPOSITI
Il Presidente della Regione,in qualità di Prefetto, acquisito il preventivo parere dell'apposita commissione, autorizza l'utilizzo, la custodia e la conservazione di gas tossici in magazzini e depositi
 ISCRIZIONE AL REGISTRO DELLE IMPRESE CHE EFFETTUANO OPERAZIONI DI RECUPERO DI RIFIUTI (PROCEDURE SEMPLIFICATE)
Compete alla Regione l'iscrizione delle imprese che effettuano recupero dei rifiuti secondo le procedure amministrative semplificate.
 RADIAZIONI IONIZZANTI: RILASCIO NULLA OSTA
Il Dirigente della competente struttura, acquisito il preventivo parere dell'apposita commissione,rilascia il nulla osta per l'impiego e la detenzione di sorgenti radioattive a scopo medico. Il Presidente della Regione in qualità di Prefetto,acquisito il preventivo parere dell'apposita commissione, rilascia il nulla osta per l'impiego di apparecchi contenenti sorgenti radioattive a scopo industriale di categoria B
 RICONOSCIMENTO COMUNITARIO PRODUZIONE, CONFEZIONAMENTO, COMMERCIO E DEPOSITO ADDITIVI ALIMENTARI / AROMI E ENZIMI
La Regione rilascia riconoscimento comunitario per la produzione, miscelazione, confezionamento, commercio e deposito degli additivi alimentari/aromi e enzimi
 RILASCIO DEL REGISTRO DI DETENZIONE PER GLI ESEMPLARI DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI PROTETTI DALLA CITES.
Chiunque intenda fare commercio o qualsiasi altra attività a scopo di lucro (scambio, permuta, locazione, esposizione, mostre itineranti, ecc.) di esemplari inseriti negli allegati A e B del regolamento (CE) 338/97, applicativo della Convenzione Internazionale di Washington (CITES) in Italia, è obbligato a fare richiesta del registro di detenzione al servizio CITES Territoriale, che provvederà alla consegna. Sul registro dovranno essere indicati correttamente tutti i movimenti di carico e scarico relativi agli esemplari in possesso, pena gravi sanzioni amministrative.