• Homepage
  • PresseVDA
  • 06/14/2013 - 10:49 - Esposizione Sacerdoti, vescovi, abati. santi protettori delle valli alpine tra arte e devozione

06/14/2013 - 10:49 - Esposizione Sacerdoti, vescovi, abati. santi protettori delle valli alpine tra arte e devozione

Indietro

L’Assessorato dell’istruzione e cultura comunica che venerdý 28 giugno, alle ore 17.30, al Palazzo Vescovile di Aosta, sarÓ inaugurata, in collaborazione con la Diocesi di Aosta, l’esposizione Sacerdoti, vescovi, abati. Santi protettori delle valli alpine tra arte e devozione, allestita all’interno del Museo del Tesoro della Cattedrale di Aosta.

L’iniziativa si inserisce in un progetto espositivo pi¨ ampio, dal titolo Des Saints et des Hommes. Images des saints dans les Alpes Ó la fin du Moyen Age, nato nell’ambito del programma di cooperazione internazionale Sculpture mÚdiÚvale dans les Alpes, che ha visto nei mesi di maggio e giugno l’apertura simultanea di altre cinque esposizioni a Susa, Sion e Ginevra, Annecy e ChambÚry. La Valle d’Aosta Ŕ presente a queste mostre con 11 sculture lignee raffiguranti figure di santi, quali Maurizio, Antonio, Teodulo e Margherita, provenienti da diverse parrocchie.

L’esposizione di Aosta illustra, mediante pregevoli opere di scultura lignea, di oreficeria e dipinti risalenti ad epoca medievale, l’evoluzione e la diffusione del culto di tre santi particolarmente legati ai territori alpini, san Grato e sant’Orso per la Valle d’Aosta e sant’Eldrado per la Valle di Susa. Il percorso espositivo si snoda in Cattedrale a partire dalla cappella di San Grato, posta nella navata meridionale, per proseguire negli spazi del Museo del Tesoro, valorizzati dalla presenza di notevoli opere provenienti dal Tesoro della Collegiata di Sant’Orso, dalle parrocchie di Antagnod, Aymavilles, Saint-Vincent, dall’Abbazia della Novalesa in Valle di Susa e dal MusÚe d’Art et d’Histoire di Conflans (Albertville).

La mostra, aperta dal 29 giugno al 22 settembre 2013, sarÓ visitabile tutti i giorni dalle ore 14.30 alle 17.30.


0490
CD
Fonte: Assessorato dell’Istruzione e Cultura – Ufficio stampa Regione Autonoma Valle d’Aosta



Indietro