• Homepage
  • PresseVDA
  • 11/09/2018 - 14:59 - Sblocco contrattuale per i dipendenti del comparto unico regionale

11/09/2018 - 14:59 - Sblocco contrattuale per i dipendenti del comparto unico regionale

Indietro

Oggi, venerdì 9 novembre 2018, la Giunta regionale, su proposta del Presidente della Regione d’intesa con l’Assessore alle Finanze, Attività produttive, Artigianato e Politiche del lavoro, ha modificato il documento tecnico di accompagnamento al bilancio finanziario gestionale per il triennio 2018/2020, in applicazione dell’accordo per il rinnovo contrattuale per il triennio economico e normativo 2016/2018 e per la modificazione dell’Accordo del Testo Unico delle disposizioni contrattuali economiche e normative delle categorie del comparto unico della Valle d’Aosta del 13 dicembre 2010, sottoscritto il 7 novembre 2018.

Dopo 10 anni di blocco contrattuale (ultimo rinnovo parte economica risale al 21 maggio 2008), è stato sottoscritto l'Accordo per il rinnovo contrattuale per il triennio economico e normativo 2016/2018. Si riferisce alla parte economica relativa al periodo che va dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre del 2018, coinvolgendo tutti i dipendenti del comparto unico regionale di cui all’art. 1, c. 1 della legge regionale 23 luglio 2010, n. 22, unitamente all’Accordo del 07 dicembre 2017, riguardante l’erogazione di somme una tantum relativamente al periodo 1° agosto 2015-31 dicembre 2017, dando altresì attuazione al disposto della sentenza n. 178/2015 della Corte Costituzionale.

Non possiamo che dichiararci soddisfatti – dichiarano il Presidente Spelgatti e l’Assessore Aggraviper il superamento di una situazione che, in seguito alla crisi economica iniziata nel 2008, aveva imposto una misura di blocco contrattuale sicuramente penalizzante per tutto il comparto e, in ultima analisi, per l’intero sistema paese. L’auspicio è che questo accordo possa segnare l’inizio di una ripresa robusta e stabile, garantendo un rilancio dei consumi per un concreto miglioramento dell’intera economia.

L’Accordo prevede gli aumenti della retribuzione fissa e delle indennità calcolati coerentemente con l’accordo sindacati/Governo del 30 novembre 2016 e con le risultanze dei rinnovi contrattuali nazionali del pubblico impiego riguardanti il triennio di rinnovo contrattuale considerato.
In adempimento a quanto richiesto con la direttiva n. 1/2018, inoltre, si è proceduto a un primo allineamento dell’indennità pensionabile per i dipendenti del Corpo Forestale Valdostano e dell’indennità di rischio per i dipendenti del Corpo Valdostano dei Vigili del Fuoco, con gli importi previsti a livello nazionale. Nel rispetto della direttiva è stato introdotto il Welfare integrativo, che prevede l’istituzione di un apposito fondo il cui finanziamento sarà garantito per un costo di 10 euro mensili per dodici mensilità per ogni dipendente in forza assunto a tempo indeterminato presso ciascun ente del comparto.
L’Accordo istituisce inoltre, a decorrere dal 1° ottobre 2018, la nuova posizione B2S per il profilo professionale di Operatore socio-sanitario, regolamentandone l’inquadramento ai fini della progressione economica e del computo dell’anzianità.

Sono state infine adeguate alcune norme in materia di telelavoro e inserita la nuova disciplina sul lavoro agile, il nuovo istituto delle ferie e dei riposi solidali, nonché la revisione del sistema delle relazioni sindacali.


0936
mg

Fonte: Presidenza della Regione – l’Assessorato delle Finanze, Attività produttive, Artigianato e Politiche del lavoro - Ufficio stampa Regione Autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste



Indietro