Bollettino neve e valanghe n° 9 del 12/19/2014 ore 30:00 

Valido per le prossime 72 ore al di fuori di piste controllate e aperte
Prossimo aggiornamento: 22/12/2014

CONDIZIONI GENERALI   Diversi distacchi provocati oggi, sia con debole che con forte sovraccarico !
  Altezza neve [ cm ] Ta
[°C]
Ultimo giorno
di vento con
trasporto di neve
Ultima nevicata Manto continuo
da quota
[m s.l.m.]
Al suolo Fresca
h 08:00 h 08:00 h 48 h 08:00
2000 m 2500 m 2000 m 2000 m In ombra Al sole
A - Valle centrale 20-70 50-80 1-5 +1 12/18/2014
moderati/forti da NW
12/17/2014
2000-2200 2300-2500
B - Valli di Gressoney, Ayas, Champorcher 10-80 70-150 1-5 +1 12/18/2014
moderati da W/NW
12/17/2014
2000-2200 2100-2400
C - Valli di Rhêmes, Valsavarenche, Cogne 10-50 60-120 3-5 +1 12/12/2014
forti/molto forti da W/NW
12/17/2014
2000-2200 2100-2400
D - Dorsale alpina 5-50 40-130 5-15 +2 12/18/2014
moderati/forti da N e SW
12/17/2014
2000-2200 2100-2400
Tra mercoledì e giovedì abbiamo registrato una spolverata di neve fresca oltre i 2000 m su tutto il territorio regionale. Il limite pioggia/neve si è alzato finanche a 2500-2700 m a causa del notevole aumento delle temperature che, tra giovedì e venerdì, ha portato lo zero termico fin oltre i 2500 m, anche durante la notte, determinando il verificarsi di alcuni scaricamenti e piccole valanghe di neve umida bagnata sotto i 2800 m.
Sopra ai 2500-2700 m le criticità presenti nel manto nevoso sono dovute a:
- vecchi accumuli da vento, localizzabili in canali e conche a tutte le esposizioni, ora potenzialmente nascosti dalla neve fresca;
- accumuli di neo-formazione, di 30-50 cm di spessore, che mal legano con lo strato sottostante spesso rappresentato da una vecchia crosta da fusione/rigelo o da vento: sono diffusi soprattutto in prossimità di creste e colli, alle esposizioni orientali, meridionali e settentrionali; le zone interessate dalla presenza di questi lastroni sono quelle lungo la dorsale di confine con Francia e Svizzera, da La Thuile fino all'alta Valle di Gressoney, dove l'ultima nevicata ha apportato un poco più di neve (5-15 cm) associata all'azione di venti moderati/forti da N-NW e localmente da SW (LaThuile).
In entrambi i casi i lastroni sono sollecitabili prevalentemente con forte sovraccarico, tuttavia, soprattutto per quelli di neo-formazione lungo la dorsale di confine, è possibile staccare facilmente già al passaggio del singolo sciatore valanghe di piccole/medie dimensioni, ma caratterizzate da elevata velocità di propagazione e scorrimento (segnalati distacchi provocati, sia con mezzi battipista e gas-ex, sia al passaggio di uno o più sciatori).
- croste da fusione e rigelo presenti a tutte le esposizioni e favorite dal limite pioggia alto dell'ultima nevicata: a sud anche fino a 3000 m, a nord fino a 2500-2700 m. E' insidiosa poichè è facile scivolarci sopra transitando sui pendii ripidi, inoltre, se coperta dalla neve fresca ventata rappresenta un ottimo piano di scivolamento.
Sotto i 2500-2700 m l'innevamento è scarso, il manto nevoso è sottile, ben consolidato e senza particolari criticità.
Il pericolo valanghe è 3-marcato lungo la dorsale di confine con Francia e Svizzera, da La Thuile fino all'alta Valle di Gressoney, 2-moderato sul restante territorio.
Meteo in Valle Visualizza cartina
EVOLUZIONE PREVISTA   Ancora vento da N-NW: lastroni sulla dorsale di confine con possibilità di staccare già al passaggio del singolo sciatore !
Sabato 12/20/2014
A causa del persistere dei venti, che si manterranno per tutto il fine settimana da moderati a forti da N-NW, con intensificazione e maggiore ingresso nelle valli a partire da sabato pomeriggio e per tutta la giornata di domenica, il grado di pericolo valanghe resterà pari a 3-marcato lungo la dorsale di confine con Francia e Svizzera (da La Thuile fino all'alta Valle di Gressoney), in quanto andranno ad accrescersi i lastroni da vento già presenti. Un debole sovraccarico sarà sufficiente a provocarne il distacco prevalentemente sui versanti orientali e meridionali. Il grado di pericolo rimarrà 2-moderato sul restante territorio.
Dopo il calo termico previsto da venerdì sera e nella giornata di sabato, domenica si avrà una nuova ripresa delle temperature con valori decisamente miti e foehn nelle valli: questo, nel lungo termine, potrà portare ad un graduale consolidamento del manto nevoso, ma, nel breve periodo, potrà facilitare il distacco di piccole e medie valanghe, sia spontanee che provocate, prevalentemente oltre i 2500 m, a tutte le esposizioni.
Domenica 12/21/2014
Lunedì 12/22/2014
LEGENDA Quota ed esposizione dei pendii critici Aumento del pericolo valanghe nell'arco della giornata
Scala di pericolo
5
MOLTO FORTE
4
FORTE
3
MARCATO
2
MODERATO
1
DEBOLE
Risponditore telefonico: Bollettino neve e valanghe 0165 / 776300 - Bollettino Meteorologico 0165 / 272333
Per una corretta interpretazione del Bollettino consultare la specifica guida: www.aineva.it/guida.html