<< Precedente
 

Previsione pericolo valanghe per
martedì 03/19/2019



PERICOLO VALANGHE  

PROBLEMI INFORMATICI: SE NON VEDETE LA MAPPA APRITE LA VERSIONE STAMPABILE.
Qualche accumulo nel Nord-ovest, per il resto buone condizioni per lo sci-escursionismo.

Martedì 03/19/2019
  
 


>2400

Il grado di pericolo è 3-marcato nei settori Nord e Ovest,  1-debole nel sud-est  e 2-moderato nel resto della regione.

Problema valanghivo: “neve ventata”.

Nuovi e recenti accumuli localmente anche di medie dimensioni sui pendii Sud, Nord ed Est sopra 2400 m circa sulle dorsali di confine francese e svizzero. 

Valanghe provocate

Un escursionista può innescare lastroni, perlopiù di piccole dimensioni su pendii molto ripidi in corrispondenza di creste, colli e sui cambi di pendenza. Strati deboli persistenti caratterizzano ancora il manto nevoso sui pendii N: un'eventuale valanga può ancora mobilizzare parecchia neve, ma è poco probabile.

Valanghe spontanee
- alcuni lastroni superficiali di piccole dimensioni dai pendii molto ripidi sotto le barre rocciose;
- scaricamenti  e piccole valanghe di neve a debole coesione umida dai pendii estremi e dalle rocce.


TENDENZA PERICOLO VALANGHE  Mercoledì 20:    Giovedì 21:  
In calo ovunque.

CONDIZIONI GENERALI
aggiornate al 03/18/2019
 

Neve fresca e manto nevoso
Lungo la dorsale di confine estero sono caduti 10- 20 cm di neve fresca sopra 2000 m.  I venti forti hanno creato nuovi piccoli accumuli sui versanti sud sotto le creste e i colli, che si aggiungono a quelli recenti sui pendii nord ed est.

La neve a debole coesione recente poggia su un fondo duro di neve vecchia. Sui pendii Nord, tra 2000 e 2500 m, si trovano ancora strati deboli interni nel manto nevoso.

Attività valanghiva spontanea

Qualche scaricamento e lastrone piccolo provocato con gli sci dai pendii molto ripidi e dalle barre rocciose.

Innevamento 
L'innevamento è al di sotto della media stagionale su tutto il territorio regionale: nell'ovest è migliore rispetto al resto del territorio, soprattutto nelle zone di confine.
Sopra i 2500 m l'innevamento è più disomogeneo. In alta quota i ghiacciai talvolta hanno ghiaccio affiorante.

Sciabilità
Si calzano gli sci: a nord da 1600-1800 m, a sud da 2000-2200 m.
Dove ha nevicato, in quota, si trova  neve farinosa nel Nord-ovest; altrimenti dura perchè compattata dal vento in quota, o per una crosta pioggia in basso. Neve primaverile sotto i 2800-3000 m su molti pendii Sud.  Diverse zone erose con vecchia neve dura (coltelli utili).

Meteo in Valle

SCALA EUROPEA DEL PERICOLO VALANGHE Aumento del pericolo valanghe nell'arco della giornata
 
5
MOLTO FORTE
 
4
FORTE
 
3
MARCATO
 
2
MODERATO
 
1
DEBOLE

PROBLEMI TIPICI VALANGHIVI   LOCALIZZAZIONI CRITICHE
NEVE FRESCA
NEVE VENTATA
STRATI DEBOLI
PERSISTENTI
NEVE BAGNATA
VALANGHE DI
SLITTAMENTO
IN NERO: ESPOSIZIONI E QUOTE PIU' CRITICHE
Bollettino neve e valanghe n° 111 emesso il 03/18/2019 ore 00:00
Valido al di fuori delle piste controllate e gestite dai comprensori sciistici.
Per una corretta interpretazione del Bollettino consultare la specifica guida AINEVA