<< Precedente
 

Previsione pericolo valanghe per
martedì 12/11/2018



PERICOLO VALANGHE   Molti lastroni da vento soffici e duri
Martedì 12/11/2018
  
 


2000 m

Il grado di pericolo valanghe è 3-marcato su buona parte della regione e 2-moderato nel sud-est.

Il problema principale è la neve ventata. I nuovi e recenti accumuli di neve ventata sono la principale fonte di pericolo. Il pericolo è maggiore nelle zone di confine con Francia e Svizzera e diminuisce spostandosi verso il sud-est della regione.

Valanghe provocate
situazione complessa da decifrare sul terreno perché si sovrappongono due tipi di lastroni:
- lastroni soffici recenti e in formazione: in genere piccoli, ma è facile provocarne il distacco. Spessore medio 10-40 cm.
- lastroni  duri recenti: è più difficile provocarne il distacco, ma possono essere anche di grandi dimensioni, con blocchi spessi (anche più di 1 m) e duri. In singoli casi è possibile provocarne il distacco a distanza.
Le escursioni e le discese fuoripista richiedono esperienza nella valutazione del pericolo valanghe e una prudente scelta dell’itinerario.
Whoom e fessure sono segnali di pericolo.

Valanghe spontanee
Nelle zone di confine, in particolare nella zona del Monte Bianco, sono possibili valanghe di neve asciutta e polverosa che partono in alta quota e possono raggiungere il fondovalle.
Con l’arrivo del sole, sono possibili valanghe a lastroni e colate di neve umida dai pendii molto ripidi soleggiati.


TENDENZA PERICOLO VALANGHE  Mercoledì 12:    Giovedì 13:  
In graduale calo

CONDIZIONI GENERALI
aggiornate al 12/10/2018
 

Innevamento
sotto i 2000-2200 m è presente poca neve; buon innevamento, anche se irregolare, sopra i 2500 m. L’attuale innevamento permette in modo limitato le escursioni di scialpinismo.
Nella notte tra domenica e lunedì la nevicata è stata più fredda e soffice: da 10 a 40 cm tra 1800 e 2500 m.
In quota zone con accumuli importanti si alternano a zone erose fino al suolo.

Manto nevoso
Gli strati profondi sono ben consolidati e stabili. Il pericolo è nella parte superiore del manto nevoso.

Sciabilità
molto variabile. In generale si scia su neve ventata, sia dura sia più morbida e gessosa. Solo nelle zone riparate la neve è rimasta soffice e farinosa su fondo duro.
Attenzione ai sassi appena ricoperti dalla neve fresca.

Meteo in Valle

SCALA EUROPEA DEL PERICOLO VALANGHE Aumento del pericolo valanghe nell'arco della giornata
 
5
MOLTO FORTE
 
4
FORTE
 
3
MARCATO
 
2
MODERATO
 
1
DEBOLE

PROBLEMI TIPICI VALANGHIVI   LOCALIZZAZIONI CRITICHE
NEVE FRESCA
NEVE VENTATA
STRATI DEBOLI
PERSISTENTI
NEVE BAGNATA
VALANGHE DI
SLITTAMENTO
IN NERO: ESPOSIZIONI E QUOTE PIU' CRITICHE
Bollettino neve e valanghe n° 13 emesso il 12/10/2018 ore 00:00
Valido al di fuori delle piste controllate e gestite dai comprensori sciistici.
Per una corretta interpretazione del Bollettino consultare la specifica guida AINEVA