<< Precedente
 

Previsione pericolo valanghe per
lunedì 02/18/2019



PERICOLO VALANGHE  

Attività valanghiva possibile soprattutto nelle ore più calde della giornata

Lunedì 02/18/2019
  


2000-2800 m

Il pericolo valanghe è 2-moderato nel nord e nell'ovest della Regione e nelle Valli del Gran Paradiso, 1-debole nel restante territorio.

I problemi valanghivi sono: “strati deboli persistenti” e "neve bagnata".

Strati deboli persistenti
Ancora possibili isolate valanghe a lastroni, di medie dimensioni, provocate con debole sovraccarico da parte di un escursionista/sciatore, dove l'accumulo poggia su strati deboli persistenti: perlopiù appena al di sopra del limite del bosco, alle esposizioni meno soleggiate, in corrispondenza di cambi di pendenza e dorsali/dossi.

Neve bagnata
Il riscaldamento diurno in atto, tramite l'umidificazione e l'appesantimento degli strati superficiali del manto, può portare al distacco di piccole e medie valanghe di neve bagnata a debole coesione, perlopiù  dai pendii molto ripidi soleggiati, prevalentemente dalla base di fasce rocciose, tra i 2000 e i 2800 m, soprattutto nelle ore centrali e pomeridiane della giornata. 

Prestare sempre attenzione e mantenere le distanze di sicurezza soprattutto quando si è costretti ad attraversare un accumulo evidente, in corrispondenza di dossi e dorsali, a tutte le esposizioni. E' importante pianificare adeguatamente gli orari di rientro evitando le ore più calde della giornata.


TENDENZA PERICOLO VALANGHE  Martedì 19:    Mercoledì 20:  

In graduale diminuzione grazie al lieve calo delle temperature e alle notti serene che favoriscono un buon rigelo notturno.


CONDIZIONI GENERALI
aggiornate al 02/17/2019
 

Manto nevoso
Nel vecchio manto sono sempre presenti strati deboli (cristalli sfaccettati e striati, brina di profondità e brina di superficie inglobata) intervallati a vecchie croste da fusione e rigelo e da vento: costituiscono una latente instabilità alle quote comprese tra 2000 e 2800 m, a tutte le esposizioni. Tuttavia il rialzo termico di questi giorni, accompagnato da una buona escursione termica notturna, ha portato ad un graduale miglioramento della stabilità del manto nevoso, andando lentamente a disattivare gli strati deboli persistenti, per lo meno alle esposizioni soleggiate.
L’umidificazione superficiale per il momento interessa le esposizioni più soleggiate e parzialmente quelle in ombra alle quote più basse.

Attività valanghiva nelle ultime 48 ore
Segnalati nella giornata di venerdì un paio di distacchi provocati: lastroni di medie dimensioni (40 cm di spessore circa) appena sopra il limite del bosco, a 2100-2200 m, entrambi in esposizione NE, su un cambio di pendenza/dorsale. 
Scaricamenti e piccole valanghe spontanee di neve umida a debole coesione dai pendii ripidi soleggiati, in corrispondenza di fasce rocciose al di sotto dei 2800 m. Qualche valanga da slittamento dai pendii ripidi erbosi.

Innevamento 
Discreti quantitativi di neve nell'ovest e nel nord della regione, anche se sotto la media per la stagione; altrove l'innevamento è sufficiente solo sopra i 2200 m.
In generale creste, colli e numerosi dossi sono erosi fino al suolo o fino alla neve vecchia dura.

Sciabilità
Nell’ovest e nord della Regione sciabilità ancora da discreta a buona, soprattutto nelle zone più riparate e in ombra: neve polverosa o leggermente compattata dal vento.
Sui pendii ripidi soleggiati abbiamo condizioni quasi primaverili con neve umida in superficie e croste da fusione e rigelo in formazione, talvolta già portanti, fino ai 2600-2800 m.
Andando verso il sud-est della Regione si trova sempre meno neve, spesso fortemente pressata dal vento, possibile toccare sassi, sui dossi e al di sotto dei 1900-2300 m.
In generale avvicinandosi a creste e colli la neve è dura, vecchia o molto compattata dal vento: spesso necessari i coltelli.

Meteo in Valle

SCALA EUROPEA DEL PERICOLO VALANGHE Aumento del pericolo valanghe nell'arco della giornata
 
5
MOLTO FORTE
 
4
FORTE
 
3
MARCATO
 
2
MODERATO
 
1
DEBOLE

PROBLEMI TIPICI VALANGHIVI   LOCALIZZAZIONI CRITICHE
NEVE FRESCA
NEVE VENTATA
STRATI DEBOLI
PERSISTENTI
NEVE BAGNATA
VALANGHE DI
SLITTAMENTO
IN NERO: ESPOSIZIONI E QUOTE PIU' CRITICHE
Bollettino neve e valanghe n° 82 emesso il 02/17/2019 ore 15:00
Valido al di fuori delle piste controllate e gestite dai comprensori sciistici.
Per una corretta interpretazione del Bollettino consultare la specifica guida AINEVA