<< Precedente
 

Previsione pericolo valanghe per
lunedì 02/17/2020



PERICOLO VALANGHE   Zero termico a 3000 m. Venti da moderati a forti da sud-ovest.
Lunedì 02/17/2020
  

< 2500-2700 m


Problemi valanghivi: neve bagnata e neve ventata.

Valanghe spontanee
Scaricamenti e valanghe superficiali di piccole/medie dimensioni, puntiformi o a lastroni, di neve umida/bagnata, dalle fasce rocciose e dai pendii molto ripidi soleggiati, sotto i 2500/2700 m. 
Pericolo maggiore nelle ore centrali e più calde della giornata, soprattutto nei settori nord-occidentali della regione, dove maggiori sono i quantitativi di neve recente.

Valanghe provocate
In rari casi uno sciatore/escursionista può staccare valanghe a lastroni soffici, di piccole o al più medie dimensioni, dai pendii molto ripidi sopra 2200 m. I vecchi accumuli di neve ventata sono ben visibili e si trovano prevalentemente alle esposizioni settentrionali e orientali, soprattutto in conche e canali e dietro ai dossi sottovento. Invece le zone di cresta e i colli sono principalmente erosi.
Per l'ingresso di venti da SW, possibile formazione di nuovi accumuli.

Sui pendii più esposti ai venti e spostandosi verso sud/est, dove ultimamente ha sempre nevicato meno e ci sono meno accumuli, il pericolo valanghe è minore, rimane più preoccupante quello di scivolare su lastre di neve fortemente indurite dal sole, dalla pioggia o dal vento. Utili coltelli e ramponi.


TENDENZA PERICOLO VALANGHE  Martedì 18:    Mercoledì 19:  

Costante. Nuovi possibili accumuli in formazione per attività eolica da moderata a forte da SW. Temperature in calo.


CONDIZIONI GENERALI
aggiornate al 02/16/2020
 

Manto nevoso
Attualmente l'innevamento è scarso nella valle centrale, ma la recente nevicata ha nuovamente imbiancato il paesaggio dai 1000 m in su. Nelle valli laterali la neve è continua dal fondovalle.
L'intensità dei venti nord-occidentali, soprattutto ad alta quota ed in corrispondenza di creste e colli, ha disperso gran parte della neve fresca, riportando in superficie neve vecchia e suolo. Mentre alle quote intermedie si sono formati accumuli soffici, spessi in media 40-50 cm. 

Valanghe osservate (ultime 48h)
Qualche piccola/media valanga spontanea di neve recente umida, soprattutto dai pendii molto ripidi soleggiati, in corrispondenza delle barre rocciose. 

Sciabilità: buona nel nord-ovest
A nord neve polverosa e asciutta: anche se pressata dal vento oltre il limite del bosco e nonostante si senta a tratti il fondo duro, è molto bella da sciare. A sud neve recente in rapida umidificazione, con formazione di croste da fusione e rigelo.
Sotto i 2500 m circa, sui dossi affiorano ancora lastre dure e scivolose (vecchie croste da pioggia e da fusione e rigelo), mentre salendo verso creste e colli si trova neve vecchia dura, rocce e suolo nudo.

Meteo in Valle

CONDIZIONI NIVO-METEO DEGLI ULTIMI 7 GIORNI (fase di test e validazione)  
Monte Bianco Gran Paradiso Monte Rosa

SCALA EUROPEA DEL PERICOLO VALANGHE Aumento del pericolo valanghe nell'arco della giornata
 
5
MOLTO FORTE
 
4
FORTE
 
3
MARCATO
 
2
MODERATO
 
1
DEBOLE

PROBLEMI TIPICI VALANGHIVI   LOCALIZZAZIONI CRITICHE
NEVE FRESCA
NEVE VENTATA
STRATI DEBOLI
PERSISTENTI
NEVE BAGNATA
VALANGHE DI
SLITTAMENTO
IN NERO: ESPOSIZIONI E QUOTE PIU' CRITICHE
Bollettino neve e valanghe n° 88 emesso il 02/16/2020 ore 00:00
Valido al di fuori delle piste controllate e gestite dai comprensori sciistici.
Per una corretta interpretazione del Bollettino consultare la specifica guida AINEVA